Quanto state seduti ogni giorno? Alla scrivania? A tavola? In auto? Sul divano? Se non siete grandi sportivi o non fate un lavoro di fatica sicuramente troppo.

Un recente studio, pubblicato sull’International Journal of Obesity, ha dimostrato come il tempo trascorso in posizione seduta sia direttamente proporzionale alla circonferenza addominale e al rischio cardio vascolare. Se volete sapere qualcosa in più sul rischio cardiovascolare cliccate qui 

Nello studio, viceversa, si è visto che le persone che passavano più di 9 ere in piedi oppure percorrevano più di 15.000 passi al giorno non presentavano sindrome metabolica (vale a dire sovrappeso e rischio cardiovascolare)

Avete capito bene, 15.000 passi o 9 ore non in posizione seduta! Avete mai misurato le vostre ore da posizione seduta?

Fate due conti insieme a me: quante ore dormite? Quante ore state in auto o sui mezzi di trasporto? Quante ore trascorrete alla scrivania? 

Supponiamo 8 ore di sonno, a tavola seduti 1h? Divano la sera davanti alla TV 2 ore. Tempo trascorso in auto per il lavoro 1 h, tempo seduti al lavoro 7 h? Tempo per fa un totale di 19 ore.  Rimangono 6 ore. Quindi meno delle 9 indicate dallo studio. Cosa rimane da fare se non si sta in piedi tutto quel tempo? Raggiungere quei passi minimi nel tempo libero che abbiamo a disposizione. Per fare circa 10000 passi ci vogliono 2 ore circa, a passo medio lento. Significa che per farne 15.000 ne servono 2,5. Impossibile? Assolutamente no! Per poter raggiungere questa quantità ricordate che i 15.000 si raggiungono anche sommando i passi fatti nel resto della giornata; quindi diciamo che se nelle attività quotidiane ne percorrete 7000 potete farne solo 8000 facendo una bella camminata, quindi circa 1h e 15. Inoltre ricordate che per fortuna anche l’intensità con cui si cammina influisce sul risultato. 3000 passi in mezzora sono fatti lentamente. Se aumentiamo la velocità il numero di passi è percorso in meno tempo ci si può ritenere soddisfatti se 6000 passi vengono fatti velocemente (il fiatone è segno di efficacia del trattamento) – consiglio mio personale non dato dagli studi citati.

Cos’altro consiglia la nutrizionista? Di passi e movimento dobbiamo farne. Dai numeri non si scappa, 10.000 o ancora meglio 15.000 dovremmo farli tutti e tutti i giorni, in media, oppure dovremmo muoverci almeno 2 ore tutti i giorni. La camminata veloce è una buona soluzione per ricercare e ritrovare la salute! Se si riesce a correre ancora meglio!

Dott.ssa Lisa Lasagna Biologa Nutrizionista

NOTA BENE: Tutti questi passi necessitano di un'attrezzatura minima adeguata, calzini e scarpe tecniche da camminata o corsa, acquistate secondo le proprie esigenze, non a caso, ma con il supporto di personale preparato, perché camminare in modo corretto permette di non farsi male e sostenere tutto il movimento senza danneggiare piedi o articolazioni, viceversa con ke scarpe inadeguate e semplici calze di cotone o di bassa qualità vesciche e dolori sono molto frequenti. Vi aspettiamo da Controcorrente a Viadana!

BIBLIOGRAFIA: 

Tigbe WW, Granat MH, Sattar N, Lean MEJ.Time spent in sedentary posture is associated with waist circumference and cardiovascular risk. Int J Obes. 2017
J. Slaght,1 M. Sénéchal,2 T. J. Hrubeniuk,1 A. Mayo,2 and D. R. Bouchard2. Walking Cadence to Exercise at Moderate Intensity for Adults: A Systematic Review.Journal of Sports Medicine 2017